A volte ho la sensazione di muovermi veloce per poi scoprire che in realtà io sono ferma ed è tutto quello che ho attorno che avanza, gira, cambia. Questo succede quando bevo troppo e quando PENSO troppo. Ho sempre crduto di appartenere alla categoria degli “stronzi” (che gode di grosso vantaggio sulla vita almeno quanto gli idioti, i superficiali e i materialisti: chi potrebbe negare che costoro non vivano con più facilità?). Mia madre spesso mi ammoniva: “Sei stronza come tuo padre ma hai preso la mia sensibilità”. Come a voler dire che “sei stronza ad una grossa percentuale ma non al cento per cento”. Ecco, ultimamente, mi sento molto meno stronza di una volta. Non so se questo processo è iniziato da quando sono diventata vegetariana o da quando mi sembrava di riuscire ad ottenere tutto ciò che volevo. Forse a furia di sentire con il cuore, di mettermi nei panni degli altri è semplicemente successo. Forse in realtà stronza non lo sono mai stata e la mia è stata solo una reazione, un modo per prendere il mio spazio. Ora anche quando molti si meritano la mia parte più stronza lascio perdere proprio sul colpo di grazia. Non so, non ci trovo più gusto, non mi interessa più. Ho ricevuto da poco un’email che si concludeva con queste parole: spero che tu abbia seguito il tuo istinto. Come si fa ad esserne sicuri? Come si fa a riconoscerlo? E’ così semplice e scontato? Per me no. Non so se l’ho seguito, se lo seguo. A volte gli odori, le forme, le prospettive..confondono. Devo pulire la posta da email inutili, da email vecchie. Le cose già lette, a volte, hanno la stessa utilità delle cose passate cioè NULLA. Quello che ho scritto un mese fa può non essere più vero oggi. Un “ti voglio bene” può essersi trasformato in un “ti detesto”. E’ quando riguardo le email o certe fotografie che realizzo quanto il passato sia fine a se stesso. Sento che sto cambiando, ancora una volta. Sarà la nuova città, saranno i nuovi contesti, le nuove persone ma sto scoprendo posti di me stessa che non avevo mai nemmeno intravisto. Vuoi vedere che verrà fuori qualcosa di completo con tutti questi nuovi colori e queste forme? Intanto bevo una tisana e aspetto che torni quello che ogni giorno mi sequestra il cuore!